Spray sigillanti, pro e contro.

Spray sigillanti, pro e contro.

In caso di foratura, avere a portata di mano una bomboletta spray che contiene sostanza sigillante può essere una bella comodità.

Non ci si sporcano troppo le mani e potete venire da noi di Angelo Gomme per far riparare il pneumatico forato,il tutto con una spesa non esorbitante: una bomboletta costa mediamente circa 15 Euro.

Ma è tutto oro quello che riluce?

Le bombolette spray contengono sostanzialmente aerosol di lattice allo stato liquido che grazie ad una miscela di gas (infiammabili nelle prime tipologie di prodotto e recentemente sostituiti con gas non infiammabili e quindi più sicuri) viene iniettato nel pneumatico sotto forma di composto schiumoso attraverso una cannuccia collegata alla valvola. A questo punto il composto si deposita e ostruisce il foro, se le sue dimensioni non superano quelle quasi sempre indicate dal produttore sulla bomboletta. In molti casi è indispensabile ripartire subito e percorrere una decina di chilometri per dare la possibilità al prodotto di distribuirsi all'interno della gomma e ripristinare la perdita di aria.

Il contenuto della bomboletta o il numero delle bombolette a disposizione devono essere sufficiente alla riparazione: una bomboletta da 300 ml potrebbe, ad esempio, non essere sufficiente a ripristinare la pressione di una pneumatico con un battistrada largo più di 200 mm ed il sigillante potrebbe non riuscire a chiudere correttamente il foro.

Noi di Angelo Gomme consigliamo di seguire scrupolosamente le indicazioni riportate sulle confezioni dei prodotti affinché la riparazione vada a buon fine, non esagerare con la velocità, fermarsi dopo qualche chilometro a controllare che la riparazione continui a fare il suo dovere e soprattutto recarsi da noi di Angelo Gomme appena possibile facendo presente l'uso del prodotto (specie  se i gas contenuti nella bomboletta sono infiammabili) per fare controllare il pneumatico e provvedere al suo ripristino o alla sua sostituzione in quanto la riparazione eseguita è da considerarsi temporanea e di emergenza. Secondo quanto indicato dai produttori, il liquido sigillante può essere ripulito dal gommista che potrà poi riparare il pneumatico con metodi tradizionali.

Fin qui tutto bene. Ci sono però alcuni altri aspetti da tenere in considerazione. Premesso che i sigillanti sono adatti solo a fori molti piccoli, non certo ad eventuali squarci, bisogna tenere presente che un eventuale chiodo va rimosso rapidamente in quanto potrebbe generare ossidazione sulle cinture e fare così decadere le caratteristiche del pneumatico. I pneumatici trattati con spray sigillanti potrebbero inoltre creare problemi in fase di smaltimento per la presenza al loro interno di un materiale differente. Se è pur vero poi che la bomboletta spray può essere una soluzione molto pratica, non può mettere al riparo nessuno da un’improvvisa perdita di pressione che, specie a velocità sostenuta e sulle ruote posteriori, può avere gravi conseguenze.

www.angelogomme.com

Select Color: